No hate. No violence
Races? Only one Human race
United We Stand, Divided We Fall

Radio Islam

Know Your enemy!
No time to waste. Act now!
Tomorrow it will be too late


English

Franç.

Deutsch

Arabic

Sven.

Español

Portug.

Italian

Russ.

Bulg.

Croat.

Czech

Dansk

Finn.

Magyar

Neder.

Norsk

Polski

Rom.

Serb.

Slov.

Indon.

Türk.

Le falsificazioni di Auschwitz

secondo un "dossier" de L'Express



di Robert Faurisson

19 gennaio 1995


 



«Auschwitz: la memoria del male». E' sotto questo titolo che L'Express ha presentato un inserto di venti pagine sul campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau&nbsp(1). Eric Conan è il principale responsabile di quell'inserto che, riprendendo la solita tesi dello sterminio degli ebrei, tende a dare ragione ai revisionisti su due punti principali: si è molto esagerato il numero dei morti e, sul capitolo della «camera a gas» che si visita ad Auschwitz-I, si è fatto ricorso alle «falsificazioni», al «travisamento» e all' «artificio».

Sul primo punto, il pubblico potrà prendere conoscenza del nuovo numero dei morti, considerevolmente riveduto al ribasso, ma senza che gli venga rivelato qual era il vecchio numero (4.000.000) e senza che gli si dica che questo nuovo numero (1.500.000) è, anch'esso, contestabile perché risulta non da un'inchiesta storica propriamente detta ma da una decisione della presidenza della Repubblica polacca!

Sul secondo punto, il pubblico continuerà ad essere ingannato: «Per il momento, si lascia [la camera a gas] allo stato e non si precisa nulla al visitatore. E' troppo complicato. Si vedrà più tardi», ha dichiarato Krystyna Oleksy, una dei responsabili del Museo nazionale di Auschwitz.

Tiriamo fuori, pagina dopo pagina, gli estratti revisionisti di questo inserto sterminazionista. Le sottolineature sono nostre. Ci limitiamo all'articolo stesso di Eric Conan (p. 54-60, 62, 64-65, 68-69).

-- Pagg. 54-55, didascalia della fotografia: «Non possiamo correre il rischio di nuove accuse di falsificazione

-- Pag. 57: «degli edifici dall'autenticità già ben strapazzata (...).
Quale parte di quelle vestigia risale ancora al 1945? "Almeno il 60%", precisa Witold Smrek (conservatore generale), infastidito dalle critiche che si levano ora contro quarant'anni di
preservazione-costruzione di Auschwitz. (...) Tutte queste precauzioni -- questa preoccupazione di far bene, di non essere tacciati di falsificazione -- spiegano gli sforzi recenti delle autorità polacche per liberare il vecchio campo di sterminio da quarant'anni di una memoria comunista che aveva modellato il luogo fino a negarne il significato.» (Commento: i comunisti sono qui accusati di essere stati dei negatori o dei negazionisti.)

-- Pag. 58: «L'obitorio del crematorio (I) servì a quest'uso [di gassaggio omicida] nei primi mesi del 1942.» (Commento: E.cerca di minimizzare la durata di attività di quella imbarazzante camera a gas che, secondo la versione ufficiale, avrebbe funzionato dall'autunno 1941 fino alla fine dell'anno 1942.)

-- Pag. 60: Stefan Wilkanowicz (vice-presidente del Comitato internazionale del Museo di Stato di Auschwitz): «Le più grandi enormità sono state rettificate, ma le principali discussioni non finiscono più e sono ben lontane dall'essere troncate. Posso perfino dire che dei dibattiti essenziali, dolorosi, talvolta imprevisti, non fanno che incominciare!»

«Il Comitato internazionale è stato tuttavia costretto, soltanto qualche settimana fa, a porre un termine ad una controversia che durava da cinque anni. Ha appena sostitutto, per le prossime ceremonie del 50 o anniversario, la targa commemorativa di Birkenau (in 20 lingue) che aveva fatto immediatamente togliere nel 1990. Essa era il segno più visibile e più fastidioso dell'influenza comunista sul sito. Si poteva, in effetti, leggervi: "Qui, dal 1940 al 1945, quattro milioni di uomini, donne e bambini sono stati torturati e assassinati dagli omicidi hitleriani". Non soltanto la cifra era grossolaneamente erronea, ma il testo non faceva alcuna allusione all'identità ebraica del 90% delle vittime. »

«Per decine d'anni, questa negazione del giudeicidio fu una delle costanti della vicinanza staliniana.» (Commento: Per decine d'anni, i grandi di questo mondo, compresi Valery Giscard d'Estaing ed il Papa Giovanni Paolo II, hanno avallato questa cifra menzognera di quattro milioni andando ad inchinarsi davanti alle 19 -- non 20 -- targhe commemorative. I comunisti sono, qui, di nuovo accusati di aver negato il genocidio degli ebrei. In realtà, essi hanno proprio menzionato gli ebrei tra le vittime, arrivando fino a consacrare loro un padiglione particolare nel museo. Secondo l'uso, E. accusa i comunisti per discolpare gli ebrei.)

-- Pag. 62: (Commento: E.spiega che, durante cinque anni, si è litigato sulla nuova cifra da scolpire sul monumento di Birkenau. Egli dice:) «Secondo le valutazioni più serie -- quelle di Raul Hilberg, Franciszek Piper e Jean-Claude Pressac -- da 800.000 a 1,2 milioni di persone sono state assassinate a Auschwitz, delle quali da 650.000 a 1 milione di ebrei.» (Commento: quei totali sono dei morti e non degli assassinati. Nel 1993, J.-C.valutava il numero dei morti in 775.000, cifra arrotondata a 800.000 (2), ma, l'anno successivo, egli rivedeva quelle cifre al ribasso: da 630.000 a 710.000 morti e, tra questi, da 470.000 a 550.000 ebrei gassati&nbsp(3). F. Piper, lui, valuta il numero dei morti in una cifra compresa tra 1.100.000 e 1.500.000 (4). Per conseguenza, le stime dei numeri dei morti vanno da 630.000 a 1.500.000, ciò che dà un'idea del carattere speculativo di quelle stime.)

«La discussione fu tesa. La soluzione logica consisteva nel riprendere la stima -- 1,1 milioni di uccisi, di cui 960.000 ebrei -- stabilita dal dipartimento di storia del museo ed uscita da dieci anni di lavori di Franciszek Piper. O nel non indicare nessuna cifra, come proponeva il museo. Serge Klarsfeld suggeriva di non menzionare una cifra globale, sconosciuta (...). Stefan Wilkanowicz, da buon conciliatore, aveva proposto la formula: "Più di 1 milione". In mancanza di accordo in seno al comitato, la faccenda fu finalmente decisa alla cancelleria della presidenza della Repubblica: 1,5 milioni. Non fu, invece, nessuna discussione sulla necessità di colmare la "dimenticanza" a proposito dell'identità ebraica della maggioranza delle vittime. Il testo definitivo è esplicito: "Che questo luogo in cui i nazisti hanno assassinato un milione e mezzo d'uomini, donne e bambini, in maggioranza ebrei di diversi paesi d'Europa, sia sempre per l'umanità un grido di disperazione e un avvertimento".»

-- Pag. 68: «Altro argomento delicato: cosa fare delle falsificazioni lasciate in eredità dalla gestione comunista? Negli anni '50 e '60, parecchi edifici, che erano spariti o che avevano cambiato uso, furono ricostruiti, con grossi errori, e presentati come autentici. Taluni, troppo "nuovi", sono stati chiusi al pubblico. Senza parlare di camere a gas di spidocchiamento presentate talvolta come camere a gas omicide. Queste aberrazioni sono servite molto ai negazionisti che ne hanno tratto l'essenziale dei loro intrecci. L'esempio del crematorio-I, l'unico di Auschwitz-I, è significativo. Nel suo obitorio fu insediata la prima camera a gas. Essa funzionò per poco tempo, all'inizio del 1942: l'isolamento della zona, che i gassaggi implicavano, perturbavano l'attività del campo. Fu dunque deciso, alla fine d'aprile 1942, di trasferire quei gassaggi mortali a Birkenau, dove furono praticati, su vittime essenzialmente ebraiche, a scala industriale. (Commento: E.fa del romanzo). Il crematorio fu, in seguito, trasformato in rifugio antiaereo, con sala operatoria. Nel 1948, al momento della creazione del museo, il crematoriofu ricostruito in uno stato d'origine supposto. TUTTO VI E` FALSO: le dimensioni delle camere a gas, l'ubicazione delle porte, le aperture per il versamento dello Zyklon-B, i forni, riedificati secondo i ricordi di qualche sopravvissuto, l'altezza del camino. Alla fine degli anni '70, Robert Faurisson sfruttò ancor meglio quelle falsificazioni in quanto i responsabili del museo ricalcitravano allora a riconoscerle. Un negazionista americano ha appena girato un video nella camera a gas (sempre presentata come autentica): lo si vede interpellare i visitatori con le sue "rivelazioni". Jean-Claude Pressac, uno dei primi a stabilire esattamente la storia di quella camera a gas e delle sue modifiche durante e dopo la guerra, propone di restaurarla nel suo stato del 1942, basandosi su dei piani tedeschi che ha appena ritrovato negli archivi sovietici. (Commento: Falso. R.aveva trovato quei piani nel 1976 e li aveva pubblicati nel 1979: quei piani e le rovine attuali -- molto eloquenti -- provano che i revisionisti avevano ragione!) Altri, come Théo Klein (ex presidente del Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia), preferiscono lasciarla allo stato, ma spiegando al pubblico il travisamento: "La Storia è quella che è: basta dirla, anche quando non è semplice, piuttosto che aggiungere artificio ad artificio." Krystyna Oleksy, il cui ufficio direzionale, che occupa l'ex ospedale delle SS, dà direttamente sul crematorio-I, non vi si risolve: "Per il momento, la si lascia allo stato e non si precisa nulla ai visitatori. E' troppo complicato. Si vedrà più tardi."»

Conclusione

Che cosa mi si può rimproverare per aver denunciato alla fine degli anni '70 tante falsificazioni? Perché mi si è allora trattato di falsificatore? Perché, oggi ancora, mi trattano di falsificatore e perché si continua a perseguitarmi nei tribunali, dove tre processi sono ancora pendenti per «contestazione» della verità storica ufficiale?

L'inserto de L'Express costituisce una revisione della storia menzognera d'Auschwitz. Ben altre revisioni di questa storia dovranno venire. S.ha ragione di dichiarare che «dei dibattiti essenziali, dolorosi, talvolta imprevisti, non fanno che incominciare». Bisognerà progressivamente ammettere che non è esistita ad Auschwitz la minima camera a gas omicida e che il totale dei morti -- soprattutto a causa delle epidemie -- si è dovuto innalzare a 150.000 persone. Intanto, gli innumerevoli visitatori del crematoriopotranno, fin d'ora, sottoporre alle guide la dichiarazione della signora Oleksy ed esigere spiegazioni sull'impostura della «camera a gas».

 

 

NOTE

(1) L'Express, settimana dal 19 al 25 gennaio 1995, p. 54-73.

(2) Les Crématoires d'Auschwitz. La machinerie du meurtre de masse, CNRS éditions, 1993, p. 148.

(3) Die Krematorien von Auschwitz. Die Technik des Massenmordes, München, Piper Verlag, 1994, p. 202.

(4) Gutman and Michael Berenbaum (editore), Anatomy of the Auschwitz Death Camp, Bloomington, Indiana University Press, 1994, p. 71-72.





Sentinella d'Italia, maggio 1995, p. 3.


"Israele come stato ebraico costituisce un pericolo non solo per se stesso e per i suoi abitanti, ma per tutti gli ebrei e per tutti gli altri popoli e stati del Medio Oriente e anche altrove."

- Prof. Israel Shahak, ebreo israeliano e direttore della lega israeliana per i diritti umani e civili


Palestine banner
Viva Palestina!

Latest Additions - in Italiano

Intervista a Ahmed Rami
Giornale algerino "Le Jeune Indépendant" 

Introduzione a "Écrits révisionnistes"
Di Robert Faurisson

Milizie Ebraiche: Quindici anni (e piu') di Terrorismo in Francia
Di Robert Faurisson

Foto   

Pasque di sangue - Ebrei d'Europa e omicidi rituali    
Di Ariel Toaff


Iraq under Jewish occupation
Iraq - guerra e occupazione


Due pesi due misure: riconoscere il terrorismo dello Stato d'Israele

A Herzliya, Israele svela la sua strategia contro l'Iran
Di Thierry Meyssan

L'Olocausto allo scanner
Di Jürgen Graf

Mein Kampf - La mia battaglia
Di Adolf Hitler

"Perché gli arabi dovrebbero fare la pace? Se fossi un dirigente arabo non la firmerei con Israele. È normale: abbiamo preso il loro paese."

- David Ben-Gurion, Primo Ministro di Israele


Citazioni - sionismo

Storico israeliano afferma: Il popolo Ebraico e' un'invenzione

Memri selettivo
Di Brian Whitaker

Down with Zio-Apartheid
StopJewish Apartheid!

Lista degli ebrei influenti italiani
Il giudaismo in Italia 

Le vittorie del revisionismo
Di Professore Robert Faurisson

The Jewish hand behind Internet The Jews behind Google, Facebook, Wikipedia, Yahoo!, MySpace, eBay...

Le caricature di Maometto - Un altro stratagemma sionista inteso a generare odio contro i mussulmani

Uno sguardo sulla potente Lobby Ebraica - Di Mark Weber

The Founding Myths of Modern Israel
Garaudy: "I miti fondatori"


I miti fondatori della politica israeliana
Di Roger Garaudy

Misteri e Segreti del B'naï B'rïth

Citazioni dal Talmud ebraico

Reel Bad Arabs - Revealing the racist Jewish Hollywood propaganda

Rapporto Leuchter

The Founding Myths of Modern Israel
Shahak: "Storia ebraica"

Definiamo lo Stato d'Israele 
Di Israel Shahak

Protocolli di Sion

Videos - Importante collezione
 

Talmud unmasked
Citazioni dal Talmud ebraico

Il Talmud smascherato

Dopo Soros: “Lobby Ebraica”, un tabù infranto?
Di Manno Mauro

Caricature

Attivismo! - Partecipa alla lotta!